Fari alogeni vs allo xeno. Quali sono le differenze?

Quiz veloce: quante differenze conosci tra fari alogeni e allo xeno? Come funziona ciascun tipo di faro? E quale ti offre una gamma di visione più ampia nell'oscurità? Verifica e aggiorna le tue conoscenze con questa guida Garage Gurus.

Cosa sono i fari alogeni?

I fari alogeni sono poco costosi da produrre e facili da sostituire, forniscono una luce intensa e durano fino a 3000 ore, il che spiega perché oggi sono installati sull'80% delle auto in strada.

Come funzionano i fari alogeni?

Una lampadina alogena è costituita da un sottile filamento di tungsteno circondato da un gas alogeno all'interno di una capsula di vetro resistente a temperature estremamente elevate. Quando viene applicata la tensione, il filamento si illumina e il metallo (tungsteno) evapora dal filamento.

halogen-bulb

Il gas alogeno lascia salire la temperatura del filamento fino quasi al punto di fusione del tungsteno (3400°). Il risultato è un'alta resa luminosa. Ha l'effetto collaterale di estendere la durata della lampadina.

Il tungsteno evaporato forma un gas che si miscela con il gas alogeno nella lampadina e forma alogenuro di tungsteno. Quando le particelle di gas si avvicinano al filamento, viene nuovamente formato uno strato di tungsteno a causa delle temperature estremamente elevate.

Cosa sono i fari allo xeno?

Conosciute anche come lampade HID (High-Intensity Discharge), le luci allo xeno stanno diventando popolari sulle auto di lusso, conferendo loro un aspetto esclusivo e di qualità.

Come funzionano i fari allo xeno?

Una lampadina allo xeno è un alloggiamento di quarzo trasparente con elettrodi di tungsteno a ciascuna estremità, riempito con una miscela di gas. Una lampadina allo xeno funziona in tre fasi:

  1. accensione. Un impulso ad alta tensione viene utilizzato per creare una scintilla all'interno della lampadina. Questo ionizza il gas xeno e crea un tunnel di corrente tra gli elettrodi di tungsteno.
  2. Riscaldamento iniziale. L'arco funziona ad alta potenza e la temperatura all'interno della capsula sale rapidamente. La resistenza tra gli elettrodi scende. A quel punto il reattore registra la resistenza ridotta e passa al funzionamento continuo.
  3. Funzionamento continuo. L'arco ha ora raggiunto la sua forma stabile e la luce prodotta ha raggiunto il suo valore nominale. Il reattore ora fornisce energia elettrica stabile in modo che l'arco non sfarfalla.
xenon-bulb

Fari alogeni vs allo xeno

Abbiamo ora visto come funzionano i due tipi di fari; diamo un'occhiata alle principali differenze tra loro.

  • Uscita luminosa
    
I fari allo xeno sono due volte più luminosi di quelli alogeni - 3200 lumen contro i 1500 lumen - ed è per questo che i fari allo xeno illuminano maggiormente la strada rispetto a quelli alogeni. Tuttavia, i fari alogeni sono più efficaci in condizioni di nebbia.
  • Efficienza energetica
    
La differenza generale nell'efficienza energetica è talmente esigua da essere probabilmente impercettibile. I fari alogeni consumano meno energia all'avviamento rispetto a quelli allo xeno, ma richiedono più energia per andare avanti. I fari allo xeno usano il gas come fonte di energia, quindi è necessaria meno energia elettrica.
  • Durata
    
I fari allo xeno non durano quanto i fari alogeni - circa 2.000 ore per i fari allo xeno, rispetto alle 3.000 ore per gli alogeni [CM1].
  • Costo
    
Per questo parametro, vincono sicuramente gli alogeni. Di solito essi sono più economici dei fari allo xeno da produrre, acquistare, installare e riparare.
  • Colore
    
I fari allo xeno hanno un colore blu chiaro (4000-6000K), che è simile alla luce naturale, mentre i fari alogeni sono di colore giallo-arancio (3200-5000K), che è più caldo.
  • Installazione
    L'installazione dei fari alogeni è semplice: cliccano semplicemente in posizione. L'installazione dei fari allo xeno è un po' più complicata in quanto sono necessari sia un reattore sia una rondella luce obbligatoria.
  • Costruzione
    
Quando si maneggiano i fari è consigliabile fare sempre attenzione. Le lampadine alogene possono essere indebolite dal grasso delle mani nude, il che può provocarne la rottura. Inoltre, alcuni fari allo xeno contengono sostanze tossiche, come il mercurio metallico, che ha un impatto negativo sulla salute umana in caso di rottura.
  • Sicurezza vs. abbagliamento
    
Gli studi dimostrano che i conducenti hanno reazioni più veloci e più precise alle situazioni stradali con i fari allo xeno rispetto a quelli alogeni. Tuttavia, la luminosità dei fari allo xeno può abbagliare gli altri guidatori, quindi è importante utilizzare il controllo automatico del livellamento del raggio.
  • Tempi di avvio

I fari alogeni sono a piena luminosità dal secondo in cui vengono accesi, mentre i fari allo xeno richiedono alcuni secondi per riscaldarsi alla massima luminosità.

Note importanti per gli installatori

Quando si installano i fari alogeni, ricordare:

  • nelle auto con vetri dei fari di plastica, utilizzare solo lampade alogene resistenti ai raggi UV (riconoscibili da "UV3 sulla confezione o una "U" sul lato) altrimenti la plastica si scolorisce.
  • Non toccare mai le luci alogene a mani nude. Il grasso naturale delle mani potrebbe indebolire il faro, causandone la rottura.

E quando si installano fari allo xeno ricordare:

i fari allo xeno funzionano con tensioni elevate, quindi tenere presente questo pericolo durante la manutenzione delle luci allo xeno.

Scopri di più con Garage Gurus

Vuoi saperne di più? Guarda un esperto di Garage Gurus mentre dimostra le differenze tra i fari alogeni e allo xeno.

 

Solo a scopo informativo. Non siamo responsabili per eventuali danni derivanti dal affidamento di questo contenuto.

Condividi