Sotto il cofano

 con Michal Hajduk

È un freddo giorno d'inverno quando ci fermiamo in un garage a Rzeszow, in Polonia. Iniziamo a parlare con Michal Hajduk a PPKS MAN, un rivenditore autorizzato di camion MAN. Michal è un consulente tecnico di 34 anni con 8 anni di esperienza nel settore e nel tempo libero ama restaurare vecchi veicoli.

Perché hai iniziato a restaurare vecchi veicoli?

Ci sono molte ragioni, ma penso che le vecchie auto abbiano un'anima. Ognuna ha una sua storia, con momenti buoni e cattivi nel suo passato. L'opportunità di riportarli in vita è affascinante e gratificante. Quando il progetto è finito ed effettuo il primo test di guida, potrebbe succedere di tutto! Questa è la sfida delle vecchie macchine e la trovo molto eccitante.

michal-hajduk-close-up

Quando restauri una vecchia auto, riesci anche a trovare il tempo per riposarti e ricaricarti nella tua vita frenetica?

Penso sia necessario essere nel giusto stato d'animo per compiere questo tipo di lavoro. Per gran parte del progetto sono rilassato e mi piace lavorare su automobili vere, non con quelle di plastica che abbiamo oggi. A volte, però, la cosa può trasformarsi in un vero incubo se i guasti continuano a persistere. Di solito mi prendo una pausa dal lavoro e ricomincio quando mi torna l'ispirazione.

Hai intenzione di cambiare la tua carriera? E perché mai?

Ho iniziato la mia formazione nel marketing, lavorando come consulente tecnico per MAN. Nel tempo libero, faccio il meccanico e il verniciatore. Attualmente, vivo una gamma talmente vasta di esperienze quotidiane che non vedo alcun bisogno di cambiare, sto sempre lavorando su qualcosa di nuovo.

Ti ricordi cosa ti ha spinto a interessarti alle macchine inizialmente?

Amo le auto sin da quando ero bambino. All'età di 6 anni mi sono ammalato di una malattia incurabile chiamata "Citrofilia". È stata colpa di mio padre. Mi comprò una macchina "cosmica", una Citroën BX con un cruscotto futuristico e sospensioni idropneumatiche. Per anni la malattia peggiorava, man mano che mi innamoravo sempre di più del marchio. Dopo il BX è apparso l'XM, che è stata la prima macchina su cui ho iniziato ad apprendere la meccanica.

Cosa ti ha motivato a diventare un consulente tecnico per camion e meccanico di vecchie auto?

La mia vita professionale e il mio hobby sono sempre stati legati all'industria automobilistica. Grazie al lavoro come consulente clienti per il servizio MAN, ho una carriera professionale davvero appagante. Mi piace lavorare con le persone, gestire la moltitudine di questioni e di problemi da risolvere tra l'officina e gli utenti finali.

Qual è la lezione più preziosa che hai imparato nella tua carriera fino ad ora?

Che lavori con i clienti o con le auto, c'è sempre una nuova lezione da imparare ogni giorno. La varietà di situazioni che affronto quotidianamente non cessa di sorprendermi. La sorpresa insegna che non bisogna mai dimenticare l'umiltà.

C'è un consiglio che potresti dare ad altri professionisti o agli appassionati di automobili?

Non fare mai niente senza cuore e forza.

under-the-hood-michal


Quali sono i compiti tecnicamente più impegnativi che incontrate regolarmente in officina?

Per me, il compito più impegnativo nella ricostruzione delle auto è mantenere l'originalità e procurarsi i componenti necessari, cosa spesso teoricamente impossibile.

Qual è il tuo approccio per affrontare questi compiti o problemi difficili?

Sono un uomo per il quale nulla è impossibile! Per me allora la cosa più importante è mantenere la calma e l'autocontrollo. Se riesci a fare questo, alla fine il problema si risolve da solo.

Quali sono le sfide tecniche che incontrerai nei prossimi 10 anni?

Le mie più grandi sfide per i prossimi 10 anni? Completare tutti i progetti che ho iniziato!

Quanto è importante la formazione tecnica per la prossima generazione di tecnici e giovani in generale?

Per la generazione futura di meccanici la formazione è fondamentale. Le competenze richieste dalla meccanica automobilistica stanno cambiando molto rapidamente di pari passo con l'industria. A mio parere, il ritmo del cambiamento sta accelerando, il che significa che un meccanico ben formato e aggiornato sarà una risorsa ancora più importante.

Qual è stato il tuo momento più memorabile in officina e perché?

Il momento più memorabile per me è legato al restauro di un'auto non molto vecchia ma molto speciale. La Citroën Xantia V6, versione ACTIVA. Fino ad oggi, dal 1999, è l'auto più veloce nel test elk/moose della storia. Dopo aver completato il progetto, il giorno prima di venderla al cliente, ho perso il controllo e ho schiantato l'auto. Mi sono ribaltato tre volte ma ho rotto solo tre unghie. Questa è stata per me una grande lezione di umiltà e sicuramente un momento memorabile ... Ora sono più prudente.

Infine, qual è la macchina dei tuoi sogni e perché?

La mia auto dei sogni? Ogni giorno è diversa! Le amo così tanto e mi affascinano talmente che ogni giorno scopro qualcosa di interessante su un'auto diversa. Se potessi, le vorrei tutte, almeno per un po'.

Condividi